Serravalle Libarna - L'Oltre Po

L'OLTRE PO
Vai ai contenuti

Menu principale:

Serravalle Libarna

PAESI E CITTA' IMPORTANTI > Terre di Novi



Serravalle Libarna e dintorni


Si veda anche l'alta Valle Scrivia

Strada per Stazzano Cantalupo, Strette del Pertuso


Nel 202 a.C. i Romani riprendono la lotta contro i Liguri, sottomettendoli definitivamente nel 197 a.C. Inizia il periodo di dominazione romana, caratterizzata da insediamenti di presidi e colonie militari in pianura e lungo la via Postumia


La via Postumia è una strada consolare fatta costruire dal console romano Aulo Postumio Albino nel 148 a.C.; collegava Genova con Aquileia, passando per Libarna (presso Serravalle Scrivia), Derthona (Tortona), Clastidium (Casteggio), Placentia (Piacenza), Cremona, Verona, Vicetia (Vicenza), Opitergium (Oderzo). Si tratta per lo più di una strada "di arroccamento", cioè una direttrice per gli spostamenti veloci delle truppe per la difesa del territorio e il suo controllo.


Libarna


http://www.comune.serravalle-scrivia.al.it/It/008/032/060/068/Serravalle+nella+Storia.html


Si trova alla confluenza del Borbera con lo Scrivia, era feudo conteso tra Tortona e Genova che vi stabilirono qui il confine tra i due territori, passò dagli Spinola agi Adorno vi era un castello costruito in varie fasi e completamente demolito dai Francesi, che conquistarono Serravalle dopo la battaglia di Marengo, Nel 1815 passò ai Savoia.

Castello della Pietra presso Vobbia

U
n altro castello fatto costruire dai vescovi di Tortona in funzione anti Saracena è caratteristico Cartello della Pietra nella vicina Vobbia oggi oggetto di restauro: http://www.luoghimisteriosi.it/liguria/castellodellapietra.html

Serravalle è importante nodo stradale tra la pianura padana e il mar Ligure. Nell'ottobre 1935 venne inaugurata la Camionale Genova-Serravalle, che divenne la via più rapida per collegare la città ligure e il mare con Milano e con Torino, diventata poi autostrada  è ancora oggi indicata con il nome originario di camionale, ad indicare la funzione soprattutto commerciale che subito assunse la nuova autostrada.


É stata sede di una rinomata fabbrica di caramelle e affini FIDASS e di un liquorificio noro per l'amaro Gambarotta e la grappa Libarna, oggi la città è nota sopratutto per il grande Autlet e in parte per gli scavi archologici dell Romana Libarna. http://www.appennino4p.it/libarna

http://www.comune.serravalle-scrivia.al.it/It/008/037/Area+Archeologica+ed+Espositiva+di+Libarna.html

Val Polcevera
In epoca romana (nel II secolo a.C.)  la Via Postumia passava per Pons ad decimum (Pontedecimo) e il Pian di Reste (nei pressi dell'attuale Passo della Bocchetta), conduceva da Genova a Libarna ( della quale si vedono i resti nei pressi dello Scrivia), e da qui andava fino ad Aquileia, sull'Adriatico.

Di questa strada non esistono più tracce nel tratto ligure; gli storici hanno avanzato varie ipotesi sul suo percorso, che si ritiene uscisse da Genova percorrendo a mezza costa le colline sulla sinistra della Valpolcevera scendendo ad attraversare il torrente a Pontedecimo e risalire poi al Passo della Bocchetta. Il tracciato dell'antica via fu ammodernato dalla Repubblica di Genova nel 1583.

La tavola del Polcevera

Da Pontedecimo un'altra via, passando per il Giogo di Paravanico e le Capanne di Marcarolo (antico luogo di scambi commerciali tra mercanti liguri e piemontesi), conduceva fino alla pianura intorno ad Alessandria.


Altra via molto frequentata era, almeno a partire dal Medioevo, la cosiddetta “Via del sale“, che partendo dalla Val Bisagno si portava nell'alta Val Polcevera superando il valico di Trensasco e valicava l'Appennino alla Crocetta di Orero.
Nel 1771 il Doge Giovanni Battista Cambiaso fece costruire a proprie spese la prima strada di fondovalle, in cambio di benefici fiscali, ma soprattutto per disporre di un percorso più agevole per raggiungere la sua residenza di campagna a Cremeno, nei pressi di Bolzaneto. L'apertura di questa strada, denominata Camblasia dal nome del suo promotore, diede un primo impulso allo sviluppo economico della valle.


Intorno al 1820, dopo l'annessione della Repubblica Ligure napoleonica allo stato sabaudo, fu aperta la "Strada Reale" per Torino, non più per la Bocchetta ma per il Passo dei Giovi, più basso ed agevole da percorrere. Questa strada, chiamata anche "Via Nazionale", costituì il principale collegamento tra Genova e il nord Italia fino alla costruzione della "Camionale". L'inaugurazione nel 1935 fu vista come una svolta epocale. La "Camionale", a carreggiata unica, fu raddoppiata negli anni sessanta ed integrata nell'Autostrada A7, Genova – Milano. Il percorso originale, assai tortuoso, costituisce oggi il tratto discendente tra i caselli di Busalla e Genova-Bolzaneto.

Area archeologica:

http://www.comune.serravalle-scrivia.al.it/It/008/037/Area%2Barcheologica%2Be%2Bmuseale%2Bdi%2BLibarna.html



<  HP  >


Torna ai contenuti | Torna al menu